Pagare il bollo auto, ecco dove e come

Pagare il bollo auto, ecco dove e come

Mar 29
Pagare il bollo auto, ecco dove e come

Il bollo dell’auto è una tassa regionale di proprietà che intende premiare l’utilizzo di macchine più ecologiche. Il proprietario del veicolo deve effettuare il pagamento ogni anno, entro il mese successivo alla scadenza dell’ultimo bollo. Eventuali ritardi comportano la presenza di interessi di mora che vanno ad accrescere il totale da pagare bollo auto. In caso di perdita di possesso del veicolo per furto, ad esempio, è opportuno che l’intestatario si rivolga tempestivamente al Pra (Pubblico registro automobilistico) per trascrivere o annotare la situazione attuale di proprietà del veicolo. E questo deve avvenire anche per i passaggi di proprietà (in caso di vendita o acquisto), sia se il veicolo è già circolante, sia che il veicolo è nuovo e, in questo caso, si è tenuti a pagare il bollo auto entro l’ultimo giorno del mese di immatricolazione.

Per calcolare quanto pagare il bollo auto, l’importo si ha moltiplicando il numero di kiloWatt per la tariffa valida per la propria regione di residenza. Gli importi sono decrescenti a mano a mano che il motore risulti dotato di caratteristiche ambientali meno inquinanti: si distinguono pertanto veicoli e motocicli Euro 0, 1, 2, 3, 4 e 5. Queste ed altre informazioni possono essere facilmente verificate dalla “Carta di circolazione”, che indica gli estremi delle principali direttive rispettate dal motore del veicolo, tra cui, appunto, quelle antinquinamento.

Pagare il bollo auto è comunque estremamente facile dal momento che questa il pagamento è effettuabile presso l’Aci (Automobile Club d’Italia), gli uffici postali, le agenzie di pratiche automobilistiche e nelle tante tabaccherie e bar che aderiscono alla rete di servizi SisalPay. In particolare, in quest’ultimo caso, è sufficiente comunicare al ricevitore le informazioni che interessano il nostro bollo auto come la tipologia del veicolo, la targa e la scadenza del bollo. In termini di scadenza il dato che va comunicato è quello relativo al nuovo bollo da pagare, e ad esempio se il bollo scade a maggio 2013, la data corretta di scadenza sarà maggio 2014. Tutti i dati vanno poi controllati sul pre-scontrino prima di confermare la richiesta ed effettuare il pagamento della somma dovuta.




Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *