Come evitare tamponamenti in auto

Come evitare tamponamenti in auto

Ago 18
Come evitare tamponamenti in auto

Tra gli imprevisti più frequenti che possono verificarsi mentre si è alla guida del proprio veicolo ci sono i tamponamenti. Secondo i dati ISTAT [www.istat.it/it/files/2013/11/incidenti_stradali_anno-2012_def.pdf] relativi al 2012, sono stati ben 33.777 i casi registrati di tamponamento su strada urbana ed extraurbana. Distrazione, mancato rispetto delle norme sulla precedenza, ed eccesso di velocità sono tra le cause principali di questa tipologia di incidente.

Occorre specificare che si può parlare di tamponamento soltanto qualora si venga urtati sulla parte posteriore del proprio veicolo, oppure, al contrario, qualora si urti il veicolo che ci precede. Basta distrarsi un attimo scrivendo un messaggio di testo sul proprio cellulare, rispondere a una chiamata senza ricorrere all’auricolare, o magari cambiare la stazione radio, per provocare un tamponamento. In tutti questi casi, infatti, quando la distanza col veicolo che ci precede diventa minima, diventa molto difficile frenare in maniera tempestiva, e si rischia inevitabilmente di andare a collidere con un’altra vettura.

La cosiddetta distanza di sicurezza è un fattore particolarmente importante per la prevenzione di questa classe di sinistri, in quanto, più tale distanza si riduce e meno tempo abbiamo per intervenire. Si parla di “tempo di reazione” in riferimento all’arco temporale che intercorre tra il momento in cui avvertiamo un pericolo e quello in cui iniziamo ad agire per arginarlo, e dunque, nello specifico, a frenare. Nonostante la maggior parte delle auto di nuova generazione siano provviste di sistemi di frenaggio molto sicuri sotto il profilo tecnologico, occorre sempre molta prudenza quando si è alla guida.

La distanza di sicurezza è infatti un fattore piuttosto variabile e dipende da una serie di elementi come lo stato della carreggiata, le condizioni atmosferiche, la tipologia di strada su cui circoliamo. In generale però è molto semplice intuire che se non ci teniamo a una certa distanza dal veicolo che ci precede durante la marcia, rischiamo di non frenare in tempo. Occorre quindi tenere sempre sotto controllo le luci delle auto presenti sulla nostra stessa fila, in modo da avvertire ogni segnalazione di manovra in tempo.

E se non fossimo riusciti a “prevenire” e dobbiamo fare il possibile per frenare evitando la collisione?
Qualora siamo nella situazione in cui dobbiamo frenare in maniera repentina, ricordiamoci di evitare per quanto possibile di sterzare in maniera brusca, ma meglio azionare delicatamente il volante per evitare che l’auto sbandi. Infatti, com’è noto il retrotreno tende a diventare più leggero in fase di frenata.

Per quanto riguarda invece la normativa, si ricorda che l’evento è disciplinato dall’articolo 149 del Codice della Strada. Già dal comma 1 di questo articolo viene espressa chiaramente la centralità del fattore “distanza di sicurezza” in questa tipologia di imprevisti. Infatti, il Codice dichiara che la distanza tra due vetture deve essere tale da consentire al veicolo di arrestarsi tempestivamente onde evitare collisioni. Tale distanza deve sempre essere commisurata alla velocità del veicolo e ai riflessi dei riflessi del conducente. Più precisamente, il comma 2 dichiara che “fuori dei centri abitati, quando sia stabilito un divieto di sorpasso solo per alcune categorie di veicoli, tra tali veicoli deve essere mantenuta una distanza non inferiore a 100 m.”

Qualora non venisse rispettata tale distanza e si verificasse un tamponamento, il soggetto responsabile è tenuto al pagamento di una sanzione amministrativa che, a seconda dei casi, oscilla dai 74 euro sino ai 299 euro. Inoltre, se il soggetto abbia provocato più di due tamponamenti nell’arco temporale di due anni, può andare incontro alla sospensione della patente di guida sino a tre mesi.




Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *