Denti più bianchi? Sì, ma con giudizio

Denti più bianchi? Sì, ma con giudizio

Lug 26
Denti più bianchi? Sì, ma con giudizio

I moderni canoni di bellezza esigono un sorriso smagliante sia ai signori che alle signore di tutte le età .Tra i ”promotori” di tale nuova moda in fatto di estetica del sorriso vi sono i personaggi famosi, ma è certo che quella di mostrare denti bianchi dall’aspetto salutare e senza difetti sia da sempre un canone di estetica tra i più apprezzati.

Come mai i denti presentano macchie?

I denti possono perdere il loro abituale colore per svariate cause, ma la motivazione primaria della perdita del bianco è completamente naturale, l’invecchiamento. Il nostro corpo umano invecchia naturalmente e diviene meno efficiente nelle ossa e nella muscolatura e anche i nostri denti naturalmente finiscono per svelare l’età che passa.

Avanzando l’età cellulare, insomma, la struttura dei minerali dello smalto dentale comincia a evolversi: tale evoluzione naturale nella qualità dei minerali porta a un inesorabile peggioramento del colore , che inizia a svelare un inesorabile inscurimento e ingiallimento. Sono gli ultra-cinquantenni quelli che evidenziano solitamente i primi segni di invecchiamento dello smalto, benché tanto dipende dal migliore o peggiore stato di salute di ogni soggetto.

Uno smalto più sottile in quanto povero di sostanze minerali si rende vulnerabile all’azione dei batteri normalmente arrestata dalla forza dello smalto dentale stesso: una simile azione può innescare reazioni chimiche che ne alterano la regolare colorazione e brillantezza.Simili ragioni naturali dell’ingiallimento dei denti sono contrastabili con una sana alimentazione, abbondante in antiossidanti e di minerali (principalmente il calcio) che contribuiscono a consolidare lo smalto e contrastano i fenomeni di invecchiamento delle ossa.

Anche le nostre scelte in fatto di alimentazione possono rovinare i denti.Il più delle volte non ci pensiamo, ma sono precisamente quello che beviamo e mangiamo tutti i giorni. Bere tutti i giorni, come parecchi di noi fanno, bibite come la cola o il caffè, è un’abitudine che può provocare la alterazione del colore dei denti: i denti, ormai più porosi per l’azione degli acidi, per l’età o per predisposizione salutare, trattengono segni dei pigmenti con cui sono a contatto.

Tra le cause meno famose della alterazione dei denti bianchi vi sono gli antibiotici: aggredendo i batteri che vivono sulla superficie dentale, o comunque solamente molti di essi, gli antibiotici finiscono per alterarne l’equilibrio provocando un colore grigio ed antiestetico.
I tabagisti rappresentano la categoria che espone più a rischio la bellezza dei propri denti: il catrame e la nicotina tendono sia a la salute del sorriso che a causare una colorazione opaca. Siccome molti tabagisti non mostrino un bel sorriso non è certo un caso.
Per smacchiare i denti si adoperano per lo più due tipi di metodi: abrasivi e chimici. I metodi di abrasione puntano tutto sulla rimozione meccanica della pigmentazione sullo smalto dentale e sono praticamente spazzolini, dentifrici sbiancanti e smerigliatori.

Al contrario dei sistemi, quelli chimici consentono di lucidare il nostro sorriso mediante lattività di sostanze che fanno reazione insieme contrastando le ragioni dell’antiestetica colorazione: essendo attivi anch’essi sulla superficie del dente, e in particolar modo all’interno delle sue spaccature, attaccano le sostanze all’origine della colorazione che saranno poi asportate agevolmente con la normale pulitura. I dentisti adoperano spesso lampadine alogene perché è stato provato che l’esposizione a d essa migliora ed velocizza decisamente il procedimento di sbiancamento.

Sarebbe stupendo se, una volta completato un ciclo di sbiancamento casalingo o dal dentista, fosse per sempre: purtroppo non è così e, quale che sia il ciclo che iniziamo, è necessario farne un altro a cadenza regolare per salvaguardare i denti bianchi così faticosamente conquistati.




Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *