Scanner dentale: perché gli odontotecnici non possono più farne a meno

Scanner dentale: perché gli odontotecnici non possono più farne a meno

Mar 06
Scanner dentale: perché gli odontotecnici non possono più farne a meno

Ormai si sente parlare costantemente dello scanner dentale, anche definito comunemente scanner intraorale, come uno degli strumenti più innovativi ed evoluti nel settore dell’odontoiatria e dell’odontotecnica, di cui i professionisti del settore non possono più fare a meno per svolgere in modo corretto e preciso il proprio lavoro.
Ma che cos’è esattamente lo scanner dentale? E a cosa serve precisamente?
Questo particolare e rivoluzionario scanner è uno strumento che consente di rilevare un’impronta senza dover usare i tradizionali cucchiai, paste da impronta o cere di masticazione. Per rilevare l’impronta del paziente, infatti, è sufficiente inserire l’estremità dell’apparecchio all’interno della bocca e posizionarlo sui denti che dovranno essere protesizzati. Una volta inserita l’estremità dell’apparecchio all’interno delle bocca, è possibile – a denti chiusi – rilevare a quel punto anche la masticazione del paziente.
Solitamente, di fronte alla comparsa di tecnologie così innovative – che naturalmente comportano sempre delle nuove spese da sostenere – ci si nasconde dietro la crisi e molto spesso si rinuncia ad effettuare investimenti per non correre rischi di tipo economico. Il vero rischio, però, in questi casi è di vedersi sorpassati da tutti i concorrenti, anche quelli che inizialmente on avevano nessuna chance. Tagliare questo tipo di spese significa solo procrastinare il fallimento, che purtroppo arriverà.
Abbracciando subito i vantaggi della tecnologia digitale offerta dallo scanner dentale si avrà l’opportunità di utilizzare strumentazioni di alto livello,  in grado di garantire un lavoro ben fatto, preciso e puntuale.
Scanner dentali di questo tipo, di ultima generazione – come ad esempio l’88BluScan 3.2 – sono dotati di un alto livello di precisione, sono facili da utilizzare e soprattutto molto intuitivi, caratteristica niente affatto scontata per apparecchiature sofisticate come questa. La tecnologia blu led consente di scansionare in modo molto più veloce e preciso in qualsiasi condizione, indipendentemente dal grado di luce presente, perché la macchina è in grado di acquisire e scansionare anche oggetti semiriflettenti con una risoluzione a 1.3 megapixel.




Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *