Le differenti tipologie di montacarichi

Le differenti tipologie di montacarichi

Ott 17
Le differenti tipologie di montacarichi

Le aziende produttive hanno spesso bisogno di spostare carichi e merci pesanti e per farlo si avvalgono dell’aiuto di montacarichi che sono studiati apposta per rendere più agevole questo tipo di movimentazione che deve avvenire da un piano all’altro di uno stabile. Un dispositivo di questo è rapido e sicuro, e può essere utilizzato sia per spostare cose che persone.

Le due tipologie si differenziano tra loro per le funzionalità che sono diverse e quindi particolari: i montacarichi, infatti, hanno funzioni differenti in base alla destinazione d’uso e all’impiego per cui sono destinati. Da fuori potrebbero sembrare uguali, ma all’interno, invece, le caratteristiche dei montacarichi sono così diverse da far sì che esistano tante tipologie di dispositivi elevatori di questo tipo.

La classificazione dei montacarichi viene effettuata in base alla modalità con cui si procede all’avviamento dell’impianto: le tipologie sono due, si parla di quello elettrico e di quello oleodinamico. Il primo è quello che viene scelto quando si è in presenza di dislivelli elevati e per trasportare carichi a una velocità sostenuta e non molto pesanti. Il secondo, invece, è utilizzato quando c’è la necessità si tratta di spostare carichi importanti (decine di tonnellate di entità, per esempio, in caso di aziende che lavorano nel settore dell’industria) e quando non c’è la necessità di prestare attenzione al dislivello presente in loco e neanche alla velocità.

Caratteristiche e funzionalità particolari, aspetti tecnici e dotazioni di sicurezza diversificano gli impianti elevatori proponendo una vasta serie di opzioni: se cerchi i montacarichi a Pavia ti sarà utile il supporto tecnico di Ma.Ri.Pa. srl.




Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *