Ideare un biglietto da visita: cosa sapere

Ideare un biglietto da visita: cosa sapere

Lug 18
Ideare un biglietto da visita: cosa sapere

Ideare un biglietto da visita per promuovere la propria immagine professionale richiede metodo e senso pratico. La business card ha una funzione di utilità pratica ma anche comunicativa e di branding e, per tale ragione, deve essere progettata ponendo attenzione a entrambi gli aspetti. Ecco cosa fare (e cosa no) per realizzare un biglietto da visita efficace.

Le informazioni giuste

I biglietti da visita, solitamente, hanno le dimensioni pari a 8,5 x 5,5 cm. Anche sfruttando entrambe le facciate, lo spazio a disposizione per inserire le informazioni utili è limitato. La selezione dei dati da inserire e di quelli da escludere risulta, per tale motivo, fondamentale. Oltre alle informazioni immancabili (nome e cognome, ruolo in azienda, telefono, e-mail), è importante inserire anche elementi che possano dare valore aggiunto alla business card: oggi, i social network sono un canale cruciale; meglio inserire le info relative al proprio contatto Facebook e a quello di LinkedIn. Si consiglia di specificare gli orari di reperibilità, quelli di apertura dell’azienda e, se utile per il proprio lavoro, il nome utente di Skype. Il tutto, secondo un’impaginazione lineare e che non infastidisce la vista.

Il font giusto

Con la scelta del font vale lo stesso discorso di cui sopra: dovrebbe essere selezionato un tipo di carattere che faciliti la lettura e che, al contempo, sia gradevole dal punto di vista del design e in coerenza con l’immagine dell’azienda o del professionista.

Qualità di carta e di stampa

Meglio non lesinare sulla qualità della carta e della stampa biglietto da visita: l’articolo rappresenta voi stessi e l’azienda e, se appare dozzinale, la gente potrebbe realizzare un’associazione di idee automatica tra la (pessima) qualità del bigliettino e quella dei servizi/prodotti erogati dall’azienda.

Creatività

La creatività è sempre un valore aggiunto: provate a elaborare idee che vi consentano di uscire fuori dall’ordinario, sperimentando forme, grammature e carte differenti dalle solite. Potete puntare su un payoff intrigante, utilizzare giochi di parole e freddure. Insomma, non abbiate paura di utilizzare un approccio diverso dal solito, la gente apprezzerà!




Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *