Ilprestitoperme, il nuovo comparatore di prestiti online

Ilprestitoperme, il nuovo comparatore di prestiti online

Ott 07
Ilprestitoperme, il nuovo comparatore di prestiti online

Il mondo dei prestiti personali vede l’arrivo di un nuovo player. Si tratta di ilprestitoperme.com , un nuovissimo portale che permette di confrontare le proposte dei principli istituti di credito italiani. Oggi, infatti, il web ha sostituito quasi completamente le richieste di consulenza in banca.

Grazie al web è possibile ottenere informazioni sulle diverse tipologie di prestiti personali, mettere a onfronto le proposte delle diverse banche e delle finanziarie, per poi inviare una richiesta di erogazione. Il tutto direttamente online senza dover perdere l’intera giornata facendo la fila in un sede fisica dell’istituto di credito.

Ma il vantaggio non è solo nel risparmio di tempo ma, anche e soprattutto, nella possibilità di ottenere un tasso di interesse molto più conveniente. Secondo una stima dello staff di ilprestitoperme.com online è possibile ottenere prestiti con un tasso di interesse di 1,5 punti percentuali più basso.

Ovviamente si tratta di una media che può variaare in funzione di tantissimi fattori (come ad esempio la tipologia di prestito richiesto, dalle garanzie reddituali che si è in grado di offrire alla banca) ma resta comunque un dato molto interessante che non va assolutmente sottovalutto. Oggi riuscire a richiedere e ottenere un prestito online permette di avere un risparmio in termini di soldi e di tempo.

Non a caso il trend in corso parla chiaro. Ad oggi sono sempre di più le persone che scelgono di richiedere una cessione del quinto, un mutuo o un prestito personale direttamente online. A questo proposito, come sottolinea lo staff de ilprestitoperme.com, sono proprio i dipendenti pubblici e i pensionati quelli ad avere le migliori possibilità di ottenere un finanziamento a condizioni agevolate.

Gli istituti di credito, infatti, prediligono questa tipologia di clienti perchè ritenuti “a più basso rischio” in quanto il loro reddito dipende dallo Stato. Specialmente se viene richiesta una cessione del quinto, infatti, si riescono ad ottenere tassi di interesse prossimi al 5% e un tasso di approvazione prossimo al 100%. La situazione cambia in maniera significativa quando si parla di lavoratori precari o autonomi o, peggio ancora, quando si hanno segnalazioni in crif o protesti.

Dati di grande interesse che ci permettono di capire in che direzione stia andando per ciò che riguarda il mondo dei prestiti personali e del credito in generale.

 




Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *