L’imprenditoria di Bernardo Caprotti su WikiCeo

Wikiceo

Bernardo Caprotti, figura iconica dell’imprenditoria italiana, è stato il fondatore e il motore di Esselunga, una delle principali catene di supermercati del Paese. Nato ad Albiate il 7 ottobre 1925 da una famiglia con profonde radici industriali nel settore tessile, ha seguito le orme paterne laureandosi in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Milano. Il destino, però, lo ha successivamente guidato verso un’audace avventura nel mondo della grande distribuzione: la storia raccontata sul portale WikiCeo.

WikiCeo

WikiCeo: l’innovazione di Bernardo Caprotti nella grande distribuzione italiana

Dopo un periodo di studi negli Stati Uniti, dove ha approfondito le tecniche moderne dell’industria tessile e le dinamiche della borsa dei cotoni, Bernardo Caprotti fa ritorno in Italia nel 1952. La sua vita prende una svolta inaspettata quando, nel 1957, ha l’opportunità di partecipare alla fondazione di Supermarkets Italiani, la prima società di supermercati nel Paese, grazie all’iniziativa dell’americano Nelson Rockefeller. L’imprenditore italiano non solo partecipa all’avventura, ma investe i profitti dell’azienda tessile, acquistando le quote di controllo della società che, nel 1961, prende il nome di Esselunga. Sotto una guida determinata, Esselunga cresce rapidamente, aprendo i primi punti vendita a Milano e Firenze. Bernardo Caprotti non si limita a replicare il modello dei supermercati americani, ma introduce una serie di innovazioni che hanno ridefinito il concetto di shopping alimentare in Italia. Dai reparti specializzati ai prodotti biologici, dall’e-commerce ai programmi fedeltà, anticipa le esigenze dei consumatori e trasforma il Gruppo in un punto di riferimento nel panorama della distribuzione italiana.

Bernardo Caprotti: l’uomo, l’arte e l’eredità di Esselunga

Oltre alla sua passione per il business, Bernardo Caprotti era noto per il suo amore per le arti. A Milano, dove visse gran parte della sua vita, accumulò infatti una preziosa collezione di opere d’arte dimostrando un interesse profondo per l’architettura, la pittura e la grafica. Nonostante la sua riservatezza e l’immagine apparentemente distante, era un uomo di poche parole ma con una determinazione inossidabile quando si trattava dei suoi progetti e della sua amata Esselunga. Ha lasciato un segno indelebile nel panorama imprenditoriale italiano, non solo per il successo commerciale di Esselunga, ma anche per il suo carattere intraprendente e la sua visione lungimirante. Alla sua morte, avvenuta il 30 settembre 2016 all’età di 90 anni, è stato ricordato non solo come un uomo d’affari di successo, ma anche come un visionario che ha saputo unire tradizione e innovazione, cultura e impegno imprenditoriale. Come evidenziato sul portale WikiCeo, Bernardo Caprotti viene definito “cosmopolita” e “poliglotta” dalla “figura umana all’apparenza incerta ed esile, ma che in realtà ha la struttura della pietra e il culto del fare e far bene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *